Cos'è la tripofobia e perché mai le persone hanno così paura dei buchi?

Immagine 1 di 16

lotus_seeds_trypophobia

spugna_tripofobia
melone_tripofobia
lotus_flower_seeds_trypophobia
honeycomb_trypophobia
pancake_mix_trypophobia
waffle_cake_trypophobia
tripofobia_arenaria
tripofobia_picchio
trypohobia_bottle
swiss_cheese_trypophobia
L'hacking di Apple Watch offre la navigazione web su smartwatch... più funzionalità, versioni, prezzo e notizie
veleno_albero_rana
cioccolato_bolle
velenoso_polpo
Recensione Moov Now: il cinturino è comodo e il dispositivo molto leggero

Cattive notizie. Potresti avere la tripofobia. Sei mai stato spaventato dall'interno di una barra Wispa, una tazza di semi di fiori di loto o persino la schermata iniziale di un Apple Watch?

Migliaia di persone affermano di soffrire di tripofobia, una condizione che ufficialmente non esiste. Continua a leggere per scoprire di cosa si tratta e cosa ne sappiamo fino ad oggi...

Cos'è la tripofobia?

L'immagine sopra – una tazza di semi di fiori di loto – ti riempie di terrore? Non dovrebbe fare; la pianta è completamente innocua. Ma è noto che la disposizione dei suoi fori di seme fa sentire le persone estremamente a disagio. Probabilmente non vorrai fare clic sulla galleria per ogni evenienza.

Benvenuti nello strano mondo della tripofobia: una paura irrazionale degli oggetti con una serie di buchi raggruppati. Pensa al nido d'ape o ai motivi che emergono nel corallo marino. A volte, anche le forme circolari sono sufficienti per indurre disgusto nel malato, come i motivi sulla schiena di una rana dardo velenosa.[gallery:12]

Una preoccupazione comune espressa dai tripofobi è non sapere cosa contengano i buchi – qualcosa con cui il rospo del Suriname, che partorisce attraverso i buchi nel suo torso, non aiuta:

La ricerca limitata suggerisce che l'11% degli uomini e il 18% delle donne troverebbero l'immagine sopra "scomoda o addirittura ripugnante da guardare". In un sondaggio del 2015 su paure e fobie di Ranker, la tripofobia occupa un rispettabile 11° posto: dietro i pagliacci, le acque profonde e i ragni, ma prima del volo, degli squali e del dentista.

Anche i video musicali non sono immuni. Il video dei Chemical Brothers per Wide Open presenta una donna che diventa gradualmente più vuota e "buca". I commenti di YouTube sono pieni di chi soffre di tripofobia che esprime disagio. "Non riesco a guardare l'uomo con le gambe che mi fa tremare", ha detto un commentatore.

Da dove viene la parola tripofobia?

Una fobia si riferisce ovviamente a qualsiasi tipo di paura psicologica, mentre trypo deriva dal greco per "fare buchi". Il meme Know Your afferma che il termine è stato coniato nel 2005, essendo stato precedentemente chiamato "Holephobia" su una pagina di Geocities. È apparso per la prima volta su Urban Dictionary nel 2008.[gallery:7]

La tripofobia è reale?

Ebbene sì e no.

Sì, nel senso che un numero significativo di persone si sente a disagio quando guarda le immagini scatenanti, come la tazza del seme del fiore di loto o le bolle che si formano nel latte bollente.[galleria:5]

Vedi correlati Cosa sono le cellule staminali e come possono cambiare la medicina? Parapsicologia: quando la scienza ha rinunciato allo studio del paranormale?

Ma questa non è la storia completa. Come accennato in precedenza, la tripofobia è un termine colloquiale emerso online a metà degli anni 2000. Non è stato studiato accademicamente fino al 2013, e non compare nell'American Psychiatric Association

Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali .

In effetti, fino al completamento del primo studio sul disturbo, l'argomento ha continuato a essere cancellato da Wikipedia, con un editore che lo descriveva come una "probabile bufala e un'assurdità di brevetto borderline".[gallery:9]

Nel 2011, quando Scienza popolare copriva il fenomeno online, nessuno dei dieci psicologi contattati dall'autore per la storia ne aveva sentito parlare, e nessuno avrebbe speculato sulle basi biologiche dietro di esso.

Di recente, nel 2013, la psichiatra Carole Matthews dell'Università della California non era convinta dall'autodiagnosi di Internet, sostenendo che la tendenza dei siti Web a correggere immagini di pelle umana con parassiti e condizioni della pelle con i fori su fiori di loto e meloni potrebbe condizionare disgusto in nessuno. Ha detto a NPR: “Potrebbero davvero esserci persone là fuori con fobie per i buchi, perché le persone possono davvero avere una fobia per qualsiasi cosa. Ma, solo [da] leggere cosa c'è su Internet, non sembra essere così ciò che le persone hanno realmente.”

Che sia reale o meno, ha sicuramente abbastanza persone spaventate per garantire alti volumi di ricerca. Per celebrare Haloween 2017, la società di sicurezza YourLocalSecurity ha scoperto che la tripofobia era la fobia più ricercata in quattro stati degli Stati Uniti. Questa è la California, il New Mexico, il Texas e il Vermont, nel caso volessi uscire e uscire con i compagni di sventura.cos'è_tripofobia

Ok, è un po' divertente e la loro metodologia è profondamente sospetta, ma almeno mostra che molte persone sono interessate alla paura, ufficiale o meno.

La tripofobia può essere innescata dalla tecnologia?

Dato che qualsiasi cosa con modelli di buchi raggruppati è noto per innescare la tripofobia, non c'è da meravigliarsi se la tecnologia ha occasionalmente alienato i suoi potenziali fan. Prendi l'interfaccia utente di Apple Watch, ad esempio:

[galleria:11]

Design intelligente o campo minato della tripofobia? Possibilmente entrambi.

Forse questo spiega perché alcuni commentatori si sentono nauseati quando discutiamo dei prodotti Apple.

Anche altri prodotti potrebbero non essere sicuri. La fitness band di Moov Now ha fatto sentire un po' a disagio un membro del team Alphr...[gallery:15]

Quali studi sono stati fatti sulla tripofobia?

Ma questo sta cominciando a cambiare, in parte a causa di così tante persone che si identificano con una condizione che sembrava non avere basi nella storia medica.

Il primo studio, intitolato Fear of Holes, del Center for Brain Science dell'Università dell'Essex nel 2013, ha indagato sul motivo per cui alcune immagini sembravano indurre una reazione più viscerale nei tripofobi rispetto ad altre. I ricercatori Geoff Cole e Arnold Wilkins hanno preso 76 immagini di attivazione da trypophobia.com e 76 fotografie di controllo di buchi e hanno scoperto che quelli con l'impatto più forte sembravano condividere alcune caratteristiche: un alto contrasto di colore e una particolare distribuzione spaziale.

Questo indica che potrebbe essere una difesa evolutiva, visto che è uno sguardo che molti animali pericolosi – il polpo dagli anelli blu, per esempio – condividono:[gallery:14]

Nel 2015, Cole e Wilkins hanno collaborato con lo studente laureato An Trong Dinh Le, un malato di tripofobia autoidentificato, per sviluppare un questionario sui sintomi. Hanno scoperto che la riduzione del contrasto in un'immagine rendeva più facile la visualizzazione per un malato.

Scrivendo di recente su The Conversation, il professor Wilkins ha affermato che le immagini di attivazione tendono ad avere proprietà matematiche che "non possono essere elaborate in modo efficiente dal cervello e quindi richiedono una maggiore ossigenazione cerebrale".

Ha detto: “Paul Hibbard e io abbiamo proposto che il disagio si verifica proprio perché le persone evitano di guardare le immagini perché richiedono un'eccessiva ossigenazione del cervello. (Il cervello utilizza circa il 20% dell'energia del corpo e il suo consumo di energia deve essere ridotto al minimo.)”

Altre possibili cause?

[galleria:0]

Una teoria è che parlando di tripofobia e condividendo immagini, è più probabile che la fobia si diffonda. Se è così... mi dispiace.

Un sottoscrittore di questa teoria è Daniel J. Glass della Suffolk University, che ha detto Notizie Buzzfeed: “ Guardando tutte queste foto che gli altri trovano disgustose, è facile pensare, Oh, sì... è disgustoso."

“Ma perché così tante persone sono così inclini a trovare queste immagini disgustose? Sarebbe molto più difficile convincere le persone a sentirsi disgustate da una foto di gattini".

In altre parole, potrebbe farne parte, ma non spiega completamente il fenomeno.

Quali sono i sintomi della tripofobia?

Questa non è una domanda così semplice come sembra a prima vista, poiché si percepiscono diversi livelli di gravità a seconda del paziente.

Dopo aver visto un'immagine scatenante, i tripofobi tendono a sentire una risposta fisica viscerale: possono rabbrividire, sentire la pelle accapponare o provare sintomi simili a un attacco di panico: prurito, sudorazione, nausea e palpitazioni.[gallery:1]

Esiste un test per la tripofobia?

Dal momento che non è una condizione ufficialmente riconosciuta, trovare un test definitivo è un duro lavoro. Per quanto ne so, il test sviluppato da Cole e Wilkins non è disponibile online.

Detto questo, ci sono una serie di test non ufficiali che comportano semplicemente la visione di immagini di "cose ​​con buchi", che aumentano gradualmente di sgradevolezza per chi ne soffre.

Se ti senti a disagio guardando le immagini in questo articolo, piuttosto che totalmente sconcertato, allora dovresti considerarti tripofobico.[gallery:8]

Esiste una cura per la tripofobia?

Ancora una volta, è difficile rispondere, perché la condizione non è ufficialmente riconosciuta. Tuttavia, nel comunicato stampa dell'Università dell'Essex che riporta la ricerca iniziale di Cole e Wilkins, i ricercatori suggeriscono un metodo psicologico collaudato utilizzato per trattare varie fobie: l'esposizione ripetuta e graduale.

Il dottor Cole ha guardato così tanto le immagini che è diventato desensibilizzato, dice il comunicato.

Inoltre, un lettore di Reddit offre questo consiglio alle persone che soffrono di sensazioni di "pelle strisciante": "Strofina la tua pelle. Con l'intera superficie dei palmi delle mani, vai avanti e strofina le braccia, il collo, ovunque senti la piloerezione (pelle d'oca).

"Noterai che l'inquietudine è in realtà sostituita da una soddisfacente sensazione di comfort, perché quello che stai facendo è sovrascrivere i dati anomali che la tua corteccia visiva ha interpretato dall'immagine della trama imperfetta con dati reali ... mentre ti strofini la pelle, [ scoprirai che, in effetti, non possiedi tali lesioni”.

Se queste immagini ti hanno fatto sentire nauseato, e per qualche ragione vuoi di più, allora fai un salto al subreddit Trypophobia, dove oltre 18.000 abbonati condividono regolarmente immagini progettate per rendersi ansiosi l'un l'altro per qualche motivo...

Immagini di Elias Gayles, Ben Sutherland, Peter Shanks, Dice Kit, Ben Dalton AmberNectar13, Angell Williams, Stephen Depollo, ET e William Wan, utilizzate sotto Creative Commons